Primo anno produzione: 1995
Proprietà: Andrea Franchetti
Enologo: Andrea Franchetti
Agronomo: Andrea Franchetti
Conduzione: Convenzionale
Bottiglie prodotte: 85.000
Ettari: 22,00
Indirizzo: dalla A1/ uscire a Chiusi-Chianciano T. e proseguire in direzione Sarteano.
 
 
Infrangendo una tradizione risalente a tempi remoti, riforgiata nel dopoguerra, che vedeva l’uva Sangiovese assioma tipico dell’enologia locale, Andrea Franchetti si è spinto sui terreni dell’ortodossia bordolese per creare il suo super rosso. Nel 1995 dopo 1000 e una sperimentazioni nasce così il Le Cupole, seguito due anni dopo dal Tenuta di Trinoro che negli Stati Uniti, paese tanto familiare ad Andrea di mamma americana, sbanca letteralmente. Da allora un fiume di idee è passato nella testa del vigneron, che si sono concretizzate nella nascita di una gamma completa e sempre ispirata da una percezione artistica della vita, assieme alla produzione di vini ottenuti dalla lavorazione di viti che si arrampicano sulle pendici dell’Etna con l’azienda Passopisciaro di cui troverete scheda dedicata. L’annata 2017 non è stata propizia per il Merlot, quindi degustiamo i Palazzi targato 2016 che battaglia ad armi pari con una campionatura di classe sublime.
Primo anno produzione: 1995
Proprietà: Andrea Franchetti
Enologo: Andrea Franchetti
Agronomo: Andrea Franchetti
Conduzione: Convenzionale
Bottiglie prodotte: 85.000
Ettari: 22,00
Indirizzo: dalla A1/ uscire a Chiusi-Chianciano T. e proseguire in direzione Sarteano.
 
 
Infrangendo una tradizione risalente a tempi remoti, riforgiata nel dopoguerra, che vedeva l’uva Sangiovese assioma tipico dell’enologia locale, Andrea Franchetti si è spinto sui terreni dell’ortodossia bordolese per creare il suo super rosso. Nel 1995 dopo 1000 e una sperimentazioni nasce così il Le Cupole, seguito due anni dopo dal Tenuta di Trinoro che negli Stati Uniti, paese tanto familiare ad Andrea di mamma americana, sbanca letteralmente. Da allora un fiume di idee è passato nella testa del vigneron, che si sono concretizzate nella nascita di una gamma completa e sempre ispirata da una percezione artistica della vita, assieme alla produzione di vini ottenuti dalla lavorazione di viti che si arrampicano sulle pendici dell’Etna con l’azienda Passopisciaro di cui troverete scheda dedicata. L’annata 2017 non è stata propizia per il Merlot, quindi degustiamo i Palazzi targato 2016 che battaglia ad armi pari con una campionatura di classe sublime.